L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

10 aprile 2014

Nota sulla sicurezza degli edifici giudiziari

a S.E. Presidente della Corte di Appello
SEDE
a S.E. Procuratore Generale
SEDE


OGGETTO: sicurezza edifici giudiziari.
La Giunta Sezionale dell’Associazione Nazionale Magistrati di Caltanissetta, insediatasi nello scorso dicembre, si è prefissa - già nella prima riunione tra i componenti, svoltasi in data 8.1.2014 – la verifica, quanto più approfondita e dettagliata, dell’attuale situazione dei vari Uffici giudiziari del distretto per quanto attiene alla materia della sicurezza sia dei luoghi di lavoro sia, conseguentemente, dell’incolumità personale dei Magistrati in servizio.
Il tema della sicurezza dei luoghi di lavoro dei Magistrati, delle condizioni dei singoli edifici giudiziari, nonché quello dell’incolumità personale, rappresenta argomento cui questa Giunta sezionale dell’ANM ritiene di dover dare prioritaria attenzione, al fine di porre in essere tutte le iniziative di propria pertinenza che possano garantire la massima serenità di esercizio della giurisdizione nell’intero distretto. 
Tale impegno va riaffermato oggi con maggiore determinazione, attesa l’attuale situazione di persistente e diffusa criticità in materia di sicurezza, tenuto conto delle allarmanti notizie di atti intimidatori e di minacce nei confronti di Magistrati operanti nel presente Distretto.
Inoltre, non devono essere sottovalutati la qualità, la quantità e l’accertata rilevanza dei procedimenti e delle cause trattati dai Magistrati di questo Distretto che si trovano ad operare in ogni settore: sia in materia penale, fino alla fase dell’esecuzione, sia in materia civile, data l’assoluta centralità del nostro distretto ed il valore dei procedimenti penali e delle cause civili in trattazione.
La presente Giunta sezionale ritiene che la salvaguardia della sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’incolumità dei Magistrati operanti nell’intero distretto, dei fruitori del servizio Giustizia e del personale amministrativo addetto ai diversi Uffici giudiziari, sia tema prioritario che deve prescindere da ogni paventata crisi finanziaria e dai tagli di spesa pubblica che falciano il settore Giustizia, legittimando condotte omissive da parte degli organi comunali cui sono demandati i servizi relativi alla cura e manutenzione dei nostri edifici giudiziari.
Proprio a tal fine, sono stati realizzati due incontri, dapprima con i colleghi in servizio nel circondario di Enna in data 22 gennaio u.s. e, poi, con quelli del circondario di Gela in data 19 febbraio u.s.
Tali incontri hanno avuto la finalità precipua di venire a conoscenza della situazione effettiva ed attuale dei luoghi di lavoro dei colleghi del distretto, le esistenti criticità e le disfunzioni che impediscono un sereno esercizio delle funzioni giurisdizionali, anche alla luce della nuova geografia giudiziaria che ha determinato, nel distretto di Caltanissetta, la soppressione e successiva aggregazione del Tribunale di Nicosia a quello di Enna e l’ampliamento della competenza territoriale distrettuale con l’acquisizione del comune di Niscemi.
Inoltre, la Giunta ha proceduto ad acquisire analoghe informazioni anche dai vertici degli Uffici Giudiziari di Caltanissetta che trovasi all’esterno del Palazzo di Giustizia sito in questa via Libertà, quali il Tribunale e la Procura per i Minorenni ed il Tribunale di sorveglianza.
Alla presente vengono allegati gli esiti dei suddetti incontri ove vengono evidenziati le attuali carenze strumentali ed i conseguenti necessari interventi da realizzare presso gli Uffici giudiziari di Enna, Gela, nonché presso il Tribunale di Sorveglianza e Uffici Giudiziari per i Minorenni, allo scopo di garantire standards minimi di sicurezza degli immobili adibiti ad Uffici Giudiziari.
Quanto infine alla incolumità personale dei Magistrati, appare doveroso segnalare la necessità, da un lato, di monitorare con la massima attenzione le esigenze di tutela dei Magistrati già assegnatari di misure di protezione, dall’altro, di procedere, contestualmente, ad una altrettanto scrupolosa valutazione in ordine ad eventuali interventi volti alla salvaguardia di Magistrati del Distretto non attualmente tutelati, sebbene impegnati ad esercitare la giurisdizione in ambiti particolarmente delicati che attengono a vicende giudiziarie di rilevante interesse e di grande allarme sociale; ciò anche alla luce delle pesanti e gravissime intimidazioni intervenute in questi ultimi mesi finalizzate a colpire, oltre il singolo Magistrato destinatario della minaccia, anche l’intera Magistratura nissena. 
La Giunta Sezionale di Caltanissetta procederà a promuovere le opportune iniziative finalizzate alla soluzione delle criticità in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro e si impegna a contribuire alla prospettata programmazione degli interventi di sicurezza degli immobili destinati a sede degli Uffici Giudiziari del Distretto.


Il Segretario Generale, Renata Fulvia Giunta
Il Presidente, Fernando Asaro


 



stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati