L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.

24 marzo 2018

Francesco Minisci è il nuovo presidente dell'ANM

Ad Alcide Maritati il ruolo di segretario generale


minisci-maritati.jpg

Roma, 24 marzo 2018 - Il pm di Roma Francesco Minisci è il nuovo presidente dell'Associazione nazionale magistrati. Lo ha eletto il Comitato direttivo centrale del sindacato delle toghe, che stamane ha nominato i membri della nuova Giunta. Il cambio al vertice dell'Anm è avvenuto alla scadenza dell'anno della giunta precedente.

Nato a Cosenza 49 anni fa, Minisci, esponente di Unicost, è stato tra il 2016 e il 2017 segretario dell'Anm, nel periodo in cui la Giunta era presieduta da Piercamillo Davigo. Sia negli anni passati in Calabria che presso la Procura di Roma si è occupato di importanti inchieste sulla criminalità organizzata, in particolare sulle infiltrazioni della 'ndrangheta.

Da componente del pool antiterrorismo della Procura di Roma è stato titolare di inchieste sull’anarco-insurrezionalismo e sull’antagonismo sociale.

Alcide Maritati, gip a Lecce e rappresentante di Area, è stato eletto Segretario dell'Anm. Maritati, 51 anni, è coordinatore dell'ufficio gip/gup a Lecce: tra i procedimenti di cui si è occupato, quello sulla strage di Palagiano del 2014, in cui venne ucciso anche un bambino di 3 anni.

Il nuovo vicepresidente è il pm di Pisa Giancarlo Dominjanni, di Magistratura Indipendente, e vicesegretario è Giovanni Tedesco (Area), presidente di sezione al tribunale civile di Napoli. Gli altri membri della Giunta sono Liana Esposito, Rossella Marro, Antonio Saraco, Luisa Savoia, Ugo Scavuzzo, Alessia Sinatra.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati