L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

4 luglio 2012

L'Anm sulla spending review

La spending review in materia digiustizia non deve causare perdita di qualità dell'Amministrazionema essere occasione di generale razionalizzazione del sistema perattuare non solo presunti risparmi, bensì un investimento volto amigliorare il servizio e a dare un nuovo futuro alla Giustiziaitaliana.


La spending review in materia di
giustizia non deve causare perdita di qualità dell'Amministrazione
ma essere occasione di generale razionalizzazione del sistema per
attuare non solo presunti risparmi, bensì un investimento volto a
migliorare il servizio e a dare un nuovo futuro alla Giustizia
italiana.



La Giustizia deve essere
efficiente, adeguata ai tempi, in grado di rispondere alle esigenze
dei cittadini e di contribuire al processo di rilancio
dell'economia.



No, quindi, ai tagli indiscriminati
di personale e di risorse, che provocherebbero danni gravi ed
irreparabili al funzionamento della giustizia, con ulteriore
aumento dei tempi di definizione dei processi nonché dei costi dei
risarcimenti dovuti dallo Stato.



L'Anm, in merito agli imminenti
interventi del Governo, nel condividere l'obiettivo generale di
riduzione della spesa pubblica, osserva:





  • è necessaria l'attuazione della
    revisione delle circoscrizioni, intervento dall'Anm sempre
    auspicato e che va attuato superando le diverse criticità della
    legge delega e delle versioni ufficiose sino ad ora apparse sugli
    organi di stampa;




  • è indispensabile una generale
    riforma e razionalizzazione delle procedure e un complessivo piano
    di investimenti in risorse (da molti anni in costante diminuzione
    per effetto delle manovre finanziarie).




L'Anm, per ridurre i costi e per
reperire nell'immediato nuove risorse, propone:





  1. obbligatorietà e gratuità, per i
    gestori concessionari, delle prestazioni relative alle
    intercettazioni, unite ad una riduzione delle spese da un lato per
    l'esecuzione delle operazioni tecniche, dall'altro per le
    trascrizioni;




  2. generale e definitiva attuazione
    del processo civile telematico; digitalizzazione del fascicolo
    penale (nell'immediato applicabile per le denunce a carico di
    ignoti); informatizzazione dei registri; l'implementazione
    dell'adozione di procedure solo informatiche per la trattazione di
    procedimenti seriali; l'immediata e capillare diffusione della PEC
    (posta elettronica certificata) sia nel civile sia nel
    penale;




  3. un percorso nella prospettiva del
    "diritto penale minimo" con la decriminalizzazione di illeciti di
    scarso allarme social ;




  4. la previsione di ulteriori
    ipotesi di sanzioni alternative al carcere;




  5. la previsione di meccanismi volti
    ad una gestione sistemica del contenzioso seriale nei settori
    previdenziale/assicurativo/infortunistico e idonei altresì ad
    eliminare gli abusi del processo e nel processo;




  6. la sospensione del processo
    penale nei confronti degli imputati irreperibili;

    la rivisitazione del patrocinio a spese dello Stato; 




  7. la possibilità di un immediato e
    generalizzato riutilizzo dei beni sequestrati e destinati alla
    confisca;




  8. la riforma della disciplina delle
    spese di custodia dei beni sequestrati.




Un ulteriore considerevole
risparmio sia di costi che di personale potrebbe derivare, ancora,
da una riorganizzazione del Ministero della Giustizia con due
Dipartimenti a fronte degli attuali quattro; dal recupero di
personale attraverso la riduzione del numero degli Enti
Territoriali (Province in primis) e da interventi fiscali mirati
sui patrimoni piuttosto che sui trattamenti retributivi.



A tale riguardo, l'Anm ritiene non
necessari - oltre che iniqui e punitivi - ulteriori interventi sul
trattamento economico e previdenziale del pubblico impiego in
generale - e dei magistrati in particolare - già attualmente
interessato, per il triennio 2011-2012-2013, da interventi
selettivi e fortemente penalizzanti (blocco per tre anni degli
aumenti stipendiali, decurtazione progressiva dell'indennità
giudiziaria, contributo di solidarietà, sorta di tassa occulta
limitata al settore pubblico).




stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati