L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

28 marzo 2013

Le verità dell'Europa sui magistrati italiani

Per la terza volta in pochi annil'Anm pubblica questo Dossier con cui si ripropone, per motivi ditrasparenza, di divulgare ai cittadini-utenti nonché ai cetiprofessionali e politici interessati alla cd. questione-giustiziaalcune importanti informazioni - corrette ed esatte perché attinteda documenti internazionali "certificati" - che diano risposte diverità ai più ricorrenti "luoghi comuni" concernenti taluni aspettipeculiari della magistratura italiana, tuttora oggetto, purtroppo,di affermazioni e di pubblicazioni false.


Per la terza volta in pochi anni
l'Anm pubblica questo Dossier con cui si ripropone, per motivi di
trasparenza, di divulgare ai cittadini-utenti nonché ai ceti
professionali e politici interessati alla cd. questione-giustizia
alcune importanti informazioni - corrette ed esatte perché attinte
da documenti internazionali "certificati" - che diano risposte di
verità ai più ricorrenti "luoghi comuni" concernenti taluni aspetti
peculiari della magistratura italiana, tuttora oggetto, purtroppo,
di affermazioni e di pubblicazioni false.



Tali "luoghi comuni" sui magistrati
italiani riguardano, in particolare:





  • le retribuzioni, indicate come le
    più alte in Europa;




  • una scarsa produttività, confusa
    con il ben diverso problema della irragionevole durata dei
    processi;




  • la giustizia disciplinare,
    ritenuta "corporativa o domestica".




Il Dossier si basa esclusivamente
sui recentissimi dati dell'ottobre 2012, pubblicati nell'ormai noto
Rapporto biennale della Commission Européenne pour l'Efficacité de
la Justice, che dal 2004 è divenuto il più autorevole
"certificatore internazionale" per la tendenziale misurazione e
comparazione dei sistemi-giustizia in 46 (dei 47) stati membri del
Consiglio d'Europa.



L'impossibilità di una assoluta
precisione nella comparazione è da ascrivere, "strutturalmente", al
fatto che taluni dei parametri analizzati [v. durata dei
procedimenti e statuto dei PM] non sono oggettivamente paragonabili
tra i paesi censiti, a causa delle profonde differenze esistenti
nei diversi ordinamenti processuali e costituzionali interni, tra
cui vanno segnalate in primis:





  • l'obbligo di motivazione delle
    sentenze e degli altri provvedimenti [che manca del tutto in alcuni
    paesi oppure è previsto in misura ridotta: v. Francia e
    Olanda];




  • la ricorribilità (o meno) in
    Cassazione avverso tutti i provvedimenti giurisdizionali.




Va rilevato, ancora, che:





  • i dati riportati nel Rapporto 2012
    sono forniti "esclusivamente" dai singoli paesi interessati e, per
    tale ragione, in alcune Tavole essi risultano mancanti;




  • sono riferiti, per protocollo
    organizzativo del censimento, alla situazione esistente al
    31.12.2010;




  • scontano "ontologicamente"
    l'impossibilità di valutare e misurare tra loro situazioni
    giuridiche, costituzionali e di altra natura spesso del tutto
    differenti;




  • la stessa CEPEJ raccomanda di
    leggere i dati con "doverosa cautela";




  • i riferimenti alle pagine indicati
    nelle Tabelle sono relativi alla versione in lingua francese del
    Rapporto 2012.




Il Dossier, anche per questa
edizione, è stato predisposto e curato dal collega Gioacchino
Natoli, d'intesa con la Giunta Esecutiva Centrale.




stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati