L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.




http://www.associazionemagistrati.it/3068/firmata-la-carta-dintenti-per-leducazione-alla-legalit-nelle-scuole.htm
ORGANI ANM | Notizie
27 novembre 2018

Firmata la carta d'intenti per l'educazione alla legalità nelle scuole

Un protocollo di intesa tra Anm, Miur, Ministero Giustizia, Csm, Anac e Dnaa

“E’ importante che le giovani generazioni comprendano che vivere nella legalità vuol dire usare gli strumenti di giustizia e di trasparenza dei quali disponiamo per guardare con fiducia al futuro”.
A dirlo è il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Francesco Minisci commentando la Carta d’intenti firmata oggi a Roma tra i Ministeri dell’Istruzione e della Giustizia, Il Consiglio superiore della magistratura, la Direzione nazionale antimafia, l’Autorità nazionale anticorruzione e, appunto, l’Associazione nazionale magistrati.
Al centro del documento, l’educazione alla giustizia, alla corresponsabilità, alla legalità e il rispetto di diritti e doveri del cittadino. “Ringrazio la Giunta Esecutiva Centrale per aver fortemente sostenuto l’iniziativa”, ha aggiunto Minisci. "'La notte bianca della Legalità', l’esperienza che come Anm portiamo avanti già da alcuni anni e che apre le porte dei Palazzi di Giustizia ai ragazzi e alla società civile ci ha fatto toccare con mano una realtà fatta di collaborazione, impegno, curiosità e apertura verso tutti i temi della giustizia da parte delle studentesse e degli studenti”, continua Minisci.
Con la Carta d’Intenti firmata oggi l’impegno dell’Associazione si orienterà, tra l’altro, alla programmazione di seminari ed attività di educazione alla legalità nelle scuole e alla cittadinanza attiva, anche mediante l’organizzazione di iniziative informative e formative. “Le nuove generazioni hanno bisogno di esempi positivi e noi - conclude Minisci - in un percorso comune con la scuola e la famiglia, abbiamo il dovere di offrirglieli, perché illegalità e violazione delle regole hanno una sola conseguenza: chiudere le porte del futuro”.