L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

25 settembre 2016

L’ANM ricorda i giudici Saetta e Terranova

Hanno contrastato con tenacia e inflessibilità il sistema mafioso fino all’estremo sacrificio


Saetta_Terranova2016

Nel trentasettesimo anniversario dell’omicidio di Cesare Terranova e del maresciallo Lenin Mancuso e a 28 anni dalla morte di Antonino Saetta, ucciso assieme al figlio Stefano, l’ANM ricorda due grandi Magistrati, autentici servitori dello Stato i quali, anche se in periodi differenti e con funzioni diverse, hanno contrastato in Sicilia con tenacia e inflessibilità il sistema mafioso fino all’estremo sacrificio.
Coraggio e alto senso di responsabilità li hanno accomunati: spezzare gli stretti e pericolosi legami mafia-imprenditoria-politica era uno dei principali obiettivi dell’operato di Terranova, per il quale non dovevano esistere “santuari inviolabili”; Saetta, che esercitò il ruolo di giudice con assoluta discrezione, ha pagato con la sua vita e quella del figlio Stefano, altra vittima innocente della violenza mafiosa, il rifiuto di piegarsi a pressioni e intimidazioni.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati