L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

19 maggio 2018

Minisci: per le riforme serve un cambio di passo, un approccio di sistema, complessivo e lungimirante

L'ANM lavora ad una serie di proposte da fare al nuovo Governo


giustizia.jpg

(ANSA) - ROMA, 19 MAG - "Stiamo lavorando a una serie di proposte da presentare al governo" e "abbiamo delle urgenze, che per alcuni aspetti sono emergenze, per quelle che possono essere le ricadute del prossimo futuro". L'ANM, con il suo presidente, Francesco Minisci, chiede al prossimo governo "un cambio di passo rispetto al passato" e di correggere quegli interventi che non migliorano il sistema ma incidono sull'attività dei magistrati. "Dobbiamo pretendere - ha detto parlando al parlamentino dell'ANM - un approccio diverso, di sistema, complessivo e lungimirante". "Quando si è intervenuti lo si è fatto sull'attività dei magistrati ma non sull'intero sistema", ha detto riferendosi, in particolare, alle avocazioni delle indagini da parte del procuratore generale, con il rischio di una "gerarchizzazione" tra procura e procura generale, e alla riforma delle intercettazioni, che entrerà in vigore a luglio. Minisci propone poi un confronto su allungamento dei termini prescrizione e riduzione dei tempi di celebrazione dei processi.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati