L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

30 ottobre 2019

Una quercia sulle colline di Gerusalemme per il giudice Antonino Giannola

L'omaggio a 59 anni dal suo omicidio, fu ucciso a colpi di pistola il 26 gennaio 1960


Antonino_Giannola2.jpg

Cinquantanove anni dopo il suo omicidio, significativo omaggio al giudice Antonino Giannola, già inserito nell'elenco "Le rose spezzate" dell'Associazione Nazionale Magistrati, che raccoglie i nomi dei magistrati morti mentre svolgevano le loro funzioni di servizio.


In sua memoria oggi, nella foresta presidenziale di Tzora, sulle colline di Gerusalemme, è stata messa a dimora una quercia in prossimità di quelle intitolate agli altri 27 magistrati assassinati dalla criminalità, nei pressi della stele commemorativa, alta 7 metri, con inciso l'elenco dei magistrati uccisi. Sulla stele è riportata la frase: "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola". Giannola è - così come lo definisce il Csm il 26 gennaio scorso - "il primo magistrato italiano ucciso in ragione della funzione esercitata". Nato a Partinico nel 1906, Giannola era presidente del Tribunale di Nicosia, quando fu ucciso a colpi di pistola, il 26 gennaio del 1960, durante una udienza. All'assassino, che prima di sparare urlò che voleva "uccidere la giustizia", furono concesse le attenuanti dell'infermità mentale.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati