L'ANM è l'associazione cui aderisce il 96% circa
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

11 aprile 2022

Toghe contro la riforma Cartabia

Il segretario generale Salvatore Casciaro su Huffington Post: "Una riforma che altera profondamente la fisionomia della giurisdizione"


Salvatore Casciaro

"Quella che si sta materializzando è una riforma che altera profondamente la fisionomia della giurisdizione. Il giudice, che la Costituzione vuole soggetto solo alla legge, viene piegato a un ruolo di sudditanza gerarchica al Capo dell’ufficio che sarà arbitro dei carichi di lavoro e delle carriere dei magistrati del suo ufficio a dispetto dei principi di indipendenza interna. Un processo di normalizzazione che mira a trasformare i magistrati in burocrati. Il fascicolo delle performance travasa inopportunamente logiche aziendalistiche all’interno dei palazzi di giustizia. L’input che viene dato è quello di ‘smaltire’ i fascicoli, adeguarsi pedissequamente ai precedenti giurisprudenziali dei giudici “superiori” se si vogliono, beninteso, scongiurare ripercussioni negative sul piano delle valutazioni di professionalità o sanzioni disciplinari".

L’errore di prospettiva è poi ritenere che la riforma di una sentenza o il rigetto di un’istanza cautelare del PM riveli l’errore del magistrato ‘sconfessato’. Ciò tradisce una prospettiva culturale di retroguardia: la verità processuale si costruisce gradualmente in un percorso alimentato nella dialettica fra le parti, nel rispetto delle regole del giusto processo e non è certo elemento precostituito o già preconfezionato".

Così il segretario generale dell'Anm Salvatore Casciaro su Huffington Post. Leggi l'articolo su Huffington Post Italia.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati