L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

2 agosto 2013

Sentenza Mediaset, escluso qualsiasi accanimento giudiziario

L'Associazione Nazionale Magistrati, a fronte delle dichiarazioni diffuse ieri dopo la pronuncia della sentenza di condanna per la 'vicenda Mediaset', ricorda che, se è lecita la critica nei confronti dei provvedimenti giudiziari, specialmente quando questa provenga da quanti sono direttamente destinatari della condanna, tuttavia sono inaccettabili e vanno respinti con fermezza gli insulti e gli attacchi verbali rivolti ai magistrati, fino alla Corte di Cassazione, insulti e attacchi che si risolvono in un'aggressione nei riguardi dell'intera magistratura.      L'Associazione esprime solidarietà ai colleghi offesi, i quali alla scompostezza dei toni hanno opposto un responsabile silenzio.


Va sottolineato che la Corte di Cassazione con la sentenza e la procura generale nella requisitoria hanno riconosciuto la correttezza del processo e delle decisioni assunte (ad eccezione del profilo concernente la durata della pena accessoria), con ciò escludendo qualsiasi accanimento giudiziario o atteggiamento pregiudiziale.


Rodolfo Sabelli - presidente dell’ANM


Valerio Savio - vice presidente


Maurizio Carbone - segretario generale


 


Roma, 2 agosto 2013



Scarica l'allegato
Sentenza Mediaset, escluso qualsiasi accanimento giudiziario 2 agosto 2013 | pdf, 34 kb

stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati