L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

25 novembre 2019

«Si investa sulla giustizia. Situazioni drammatiche»

Il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Poniz, a Siena, sostiene che l’organico è una priorità


Poniz.png

La Nazione


«Servono profondi investimenti sulla giustizia, va ritenuta una priorità quale essa è». Ad affermarlo,sollecitato sul tema, è stato Luca Poniz, presidente dell’Associazione nazionale magistrati, a margine dell’iniziativa organizzata ieri dalla Camera penale di Siena e Montepulciano nell’aula magna dell’Universitàì a Giurisprudenza. Che era stracolma come non si vedeva da tempo, non solo di volti noti del foro ma anche di giovani che si affacciano alla professione. E di studenti che hanno voluto ascoltare gli interventi dei protagonisti delle aule giudiziarie su ‘La figura e la nobile funzione dell’avvocato penalista al tempo del manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo’. Tornando alla priorità della giustizia in un momento così delicato per il nostro Paese, il presidente dell’Anm Poniz ha rimarcato appunto l’opportunità «di avere profondi investimenti sui mezzi di supporto all’attività dei giudici, sugli organici dei cancellieri e del personale per esempio, che consentano al sistema di funzionare nella quotidianità. Dove ogni operatore del diritto – ha proseguito – sa benissimo che esistono delle situazioni drammatiche. Se in Corte di appello non ci sono magistrati e mancano i cancellieri i processi non si possono fare, né per la durata di ore che sarebbe necessaria, né per quanto attiene al numero di udienze che bisognerebbe celebrare. Questo è il punto vero». Altro tema caldo il diritto penale, su cui vari relatori hanno poi argomentato. Poniz ha colto l’occasione, sempre a margine del convegno, per rilevare «come il nostro abbia centinaia di fattispecie dove ogni cosa è appunto penale, a partire dalla minima. Si scarica tutto sul processo, quello che vogliono legittimamente gli avvocati, che non può funzionare», ha concluso prima di prendere posto insieme agli altri relatori. Al tavolo in avvio il presidente della Camera penale di Siena e Montepulciano Mirko Mecacci, il presidente dell’Ordine degli avvocati Lucia Secchi Tarugi, insieme al professor Roberto Guerrini della nostra Università.



Scarica l'allegato
intervista-poniz-qn | pdf, 543 kb

stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati