L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.

15 marzo 2017

Processo a giudice Onu arrestato in Turchia, violati principi democratici

L'ANM chiede l'intervento immediato degli organi istituzionali italiani e internazionali

Oggi si è svolta ad Ankara la prima udienza del processo contro Aydin Sefa Akay, giudice ONU, arrestato in Turchia il 28 settembre 2016, con accuse di terrorismo formalizzate solo dopo molti mesi dall’inizio della lunga detenzione. Accuse costruite in relazione al possesso di scritti e documenti, peraltro con modalità procedimentali in palese spregio delle immunità sia giurisdizionali che diplomatiche, di cui gode il collega detenuto. Tutto ciò ha già determinato la reazione dell’ONU e lo sdegno della comunità internazionale.


L’ANM manifesta la più ferma indignazione per la drammatica vicenda, che viola elementari principi democratici e, nell’esprimere la vicinanza dei magistrati italiani al collega Aydin Sefa Akay, auspica l’immediato intervento degli organi istituzionali italiani e internazionali per restituire il giudice alle sue funzioni e ristabilire la legalità.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati