L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.

13 giugno 2017

Turchia, Anm: grave e inaccettabile arresto Aydin Sefa Akay

Ora immediata liberazione del giudice


aydin-sefa-akay.jpg

Aydin Sefa Akay è il giudice dell’Onu arrestato nella repressione seguita al fallito colpo di Stato in Turchia. E’ stato fermato il 28 settembre del 2016 e da 9 mesi è in carcere. 


Per l’Associazione Nazionale Magistrati si tratta di un fatto “gravissimo” e “inaccettabile”. Per questo, l’intera comunità internazionale “è chiamata a mobilitarsi per la sua liberazione”.


Continua la nota dell’Anm: “E’ impensabile che un uomo di giustizia venga illegittimamente detenuto e che addirittura sua figlia, nel periodo della prigionia, sia riuscita a vederlo una sola volta”. Tutto questo “è intollerabile e va combattuto con forza ed è quello che intendiamo fare in tutte le sedi opportune”, al governo turco – conclude la nota dell’Anm - “chiediamo l’immediata liberazione di Aydin Sefa Akay”.



stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati