L'ANM è l'associazione cui aderisce il 96% circa
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

5 agosto 2011

Sezione Cassazione su dichiarazioni Presidente del Consiglio

La Giunta dell'AssociazioneNazionale Magistrati, sezione della Corte di Cassazione, manifestala propria convinta adesione al comunicato del 1° ottobre 2010della Giunta nazionale dell'A.N.M. con il quale si denunziaval'assurdità delle accuse che il Presidente del Consiglio deiministri ha lanciato, per l'ennesima volta, nei confronti dellamagistratura.


La Giunta dell'Associazione
Nazionale Magistrati, sezione della Corte di Cassazione, manifesta
la propria convinta adesione al comunicato del 1° ottobre 2010
della Giunta nazionale dell'A.N.M. con il quale si denunziava
l'assurdità delle accuse che il Presidente del Consiglio dei
ministri ha lanciato, per l'ennesima volta, nei confronti della
magistratura.



Esprime il proprio sgomento per i
ripetuti tentativi di delegittimazione del ruolo dei magistrati da
parte di chi, portatore di un personale interesse nei procedimenti
civili o penali ma al tempo stesso titolare di un'altissima carica
istituzionale, finisce con il mettere in discussione il principio
costituzionale di autonomia e di indipendenza connaturato alla
separazione dei poteri.



Sottolinea che le stesse critiche,
che di regola sarebbero legittima espressione di libertà, vengono
peraltro formulate in termini generici e strumentalmente allusivi,
quando non perfino distorti, senza neppure tener conto degli
elementi oggettivi del giudizio.



Ciò è avvenuto in particolare a
proposito della recente sentenza (caso Mills) pronunziata dalle
sezioni unite di questa Corte,  che non afferma affatto un
principio del tenore corrispondente alla ironica esposizione
pubblica del Presidente (nel senso che il reato di corruzione si
consumerebbe quando il corrotto "spende" il danaro ottenuto) ed
anzi formula una soluzione giuridica, in materia di prescrizione,
più favorevole all'imputato rispetto a precedenti arresti
giurisprudenziali.



Esprime pertanto la più
incondizionata solidarietà ai colleghi che formavano il collegio
delle sezioni unite e riafferma che tutti i magistrati
continueranno nel loro silenzioso lavoro al servizio della
collettività senza che critiche ingiustificate o tentativi di
intimidazione possano distogliere dall'obiettivo di un indipendente
esercizio della giurisdizione a tutela dei principi di terzietà
voluti dalla Costituzione.



 



Roma 12 ottobre 2010



Il
segretario                                                                 
Il presidente

Mirella
Cervadoro                                                       
Carlo Brusco



 




stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati