L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

9 agosto 2011

Sezione distrettuale di Palermo - Vicenda Ciancimino

Da giorni ormai quasi tutti gliorgani di informazione italiani pubblicano e mandano in onda notizie e commenti  inerenti  le nuove vicende di MassimoCiancimino, in relazione alla individuazione di un documentofalsificato presentato dal predetto ai magistrati che sono impegnati nella difficile opera di ricerca, attenta e rigorosa, deiriscontri alle predette dichiarazioni.


Da giorni ormai quasi tutti gli
organi di informazione italiani pubblicano e mandano in onda 
notizie e commenti  inerenti  le nuove vicende di Massimo
Ciancimino, in relazione alla individuazione di un documento
falsificato presentato dal predetto ai magistrati che sono 
impegnati nella difficile opera di ricerca, attenta e rigorosa, dei
riscontri alle predette dichiarazioni.



Le prese di posizione di personaggi della informazione e 
della politica rispecchiano le fisiologiche differenze  
ideologiche nel  commentare i  fatti, ai quali non può
non riconoscersi un rilievo istituzionale di primissimo
piano.



Dall'analisi scientifica del documento falsificato è scaturito per
Massimo Ciancimino l'immediato provvedimento di  fermo per il
delitto di calunnia aggravata in danno del Prefetto Gianni De
Gennaro. Il provvedimento è stato emesso da quei magistrati che
raccolgono le dichiarazioni del predetto, ed è il frutto di un
accertamento peritale delegato alla Polizia Scientifica da quegli
stessi magistrati che, in ogni momento della loro attività, hanno
sempre sottoposto a verifiche rigorosissime tutti i documenti
prodotti da Ciancimino, al fine di fugare ogni ragionevole dubbio
sulla loro autenticità.



Alla luce delle superiori considerazioni il Segretario e i
componenti della Giunta Distrettuale dell'ANM di Palermo
denunciano  con allarmante preoccupazione i tentativi, da più
parti pervenuti, di trasformare una delicatissima vicenda
giudiziaria in un attacco personale e mirato contro quei magistrati
che, con meticolosa professionalità, svolgono il proprio dovere di
ricerca e verifica della verità, con l'evidente scopo di
delegittimare il loro lavoro e di indebolire, agli occhi
dell'opinione  pubblica, l'accertamento giudiziario di
importantissime vicende che potrebbero avere  coinvolto in
passato ampi settori delle Istituzioni del nostro paese.



Il Segretario ed i componenti della Giunta, quindi,
esprimono  vicinanza e solidarietà al collega Antonio Ingroia,
fatto oggetto di pesanti attacchi personali  ed agli altri
magistrati che con lui coordinano le indagini in questione, 
esortandoli a continuare nella loro opera di serena e rigorosa
ricerca della verità nel pieno e rispettoso ossequio del principio
di uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla Legge.




stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati