L'ANM è l'associazione cui aderisce il 96% circa
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

31 gennaio 2024

Ecco perché il reclutamento straordinario è incostituzionale


ANM-concorso.jpg
Un concorso straordinario per il reclutamento di magistrati, riservato a quanti hanno svolto per almeno sei mesi le funzioni di magistrato onorario sarebbe una misura improvvida, rivelando una concezione della giustizia non in linea con i valori costituzionali.
I magistrati straordinariamente reclutati, a quanto emerge dalle anticipazioni emerse in queste ore, non svolgerebbero il periodo di tirocinio formativo in nome della discutibile presunzione di sostanziale inutilità della formazione iniziale avendo loro esercitato, anche se per un tempo assai breve, le funzioni onorarie. Il principio costituzionale dell’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni esclusivamente per concorso non tollera deroghe, neanche sotto forma di concorsi riservati a categorie predeterminate. Ciò vale a maggior ragione per l’accesso in magistratura. Tanto che la Consulta ha più volte ribadito che il pubblico concorso è l’elemento che qualifica la legittimazione istituzionale della magistratura.
Le esigenze di copertura degli organici vanno fronteggiate azionando gli ordinari meccanismi concorsuali. Sono già in corso di svolgimento ben tre concorsi per la copertura di oltre 1300 posti di magistrato, ed è impensabile che il concorso straordinario – a meno di non mettere mano a brutali semplificazioni - possa concludersi ancor prima di quelli che sono in fase avanzata. La macchina concorsuale ordinaria è da tempo in azione, come più volte anche l’ANM ha riconosciuto, e questa evidenza nega razionalità alla prospettiva di concorsi straordinari. Il Ministro della Giustizia dovrebbe piuttosto adoperarsi per assicurare alle commissioni di concorso le migliori condizioni per accelerare le procedure di esame invece che indulgere in aggiramenti del dettato costituzionale. 
L’esperienza di magistrato onorario, se realmente arricchente, deve essere fatta valere all’interno della ordinaria competizione concorsuale e non può trasformarsi in un sostanziale privilegio. Questa eccentrica misura del governo sarebbe invece una grava ingiustizia, consumata ai danni dei tanti giovani laureati che da tempo si preparano con enormi sacrifici, personali e spesso familiari, al concorso per diventare magistrati.

Il documento integrale approvato dalla Giunta esecutiva centrale


Scarica l'allegato
Il reclutamento straordinario incostituzionale e irrazionale | pdf, 44 kb

stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati