L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

29 maggio 2013

L’Anm sul ddl n. 112 sulle nuove fattispecie disciplinari

L'Anm rileva, con preoccupazione evivo allarme, che le fattispecie disciplinari che si propone diintrodurre col disegno di legge n. 112 presentato al Senato dellaRepubblica integrerebbero una grave compromissione della libertà diespressione e un conseguente vulnus ai diritti costituzionali delmagistrato, con rischi di condizionamento indiretto sull'eserciziodella funzione giudiziaria, in quanto contengono una pericolosaviolazione del principio di tassatività, lasciando enormediscrezionalità nella concreta individuazione degli illeciti.


L'Associazione Nazionale Magistrati
rileva, con preoccupazione e vivo allarme, che le fattispecie
disciplinari che si propone di introdurre col disegno di legge n.
112 presentato al Senato della Repubblica integrerebbero una grave
compromissione della libertà di espressione e un conseguente vulnus
ai diritti costituzionali del magistrato, con rischi di
condizionamento indiretto sull'esercizio della funzione
giudiziaria, in quanto contengono una pericolosa violazione del
principio di tassatività, lasciando enorme discrezionalità nella
concreta individuazione degli illeciti.



L'Anm ha da lungo tempo affermato,
nell'art. 6 del proprio Codice Etico, la regola secondo la quale,
"fermo il principio di piena libertà di manifestazione del
pensiero, il magistrato si ispira a criteri di equilibrio, dignità
e misura nel rilasciare dichiarazioni ed interviste ai giornali e
agli altri mezzi di comunicazione di massa, così come in ogni
scritto e in ogni dichiarazione destinati alla diffusione."



Ben diverso, però, è prevedere
illeciti disciplinari, con riferimento generico a "comportamenti" e
a "dichiarazioni" non meglio definiti, tali rispettivamente da
"compromettere gravemente l'indipendenza, la terzietà e
l'imparzialità del magistrato, anche sotto il profilo
dell'apparenza" ovvero tali da rivelarne l'assenza, con richiamo al
"contesto sociale, politico o istituzionale", e così riproporre,
addirittura aggravandone l'estensione, la fattispecie già presente
nel testo originario della riforma del 2005 sull'ordinamento
disciplinare, fattispecie poi abrogata a seguito dei dubbi di
legittimità costituzionale da più parti sollevati.




stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati