L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

30 marzo 2011

La Giunta dell'ANM sulla prescrizione breve

La legge sulla prescrizione breve è l’ennesimo colpo mortale inferto al funzionamento della giustizia penale in Italia.
Con la riforma oggi in discussione aumenterà a dismisura il numero di casi di denegata giustizia e di impunità per gli autori di gravi reati.



  • L’Europa ci chiede invano da tempo interventi per assicurare un’effettiva ragionevole durata dei processi e di evitare che i processi si concludano con la prescrizione.

  • La prescrizione breve non riduce la durata dei processi, ma al contrario è un incentivo per gli imputati a cercare di far durare più a lungo il processo.

  • Oggi, dopo la riforma del 2005, sono già circa 150mila l’anno i processi che si chiudono con la prescrizione, senza un accertamento della responsabilità dell’imputato e senza una risposta di giustizia alle istanze di chi ha subito un danno dal reato.

  • La prescrizione breve contrasta con le previsioni delle convenzioni internazionali in materia di lotta alla corruzione sottoscritte e ratificate dall’Italia.

  • La prescrizione breve per gli incensurati viola il principio costituzionale di eguaglianza.

  • I cittadini italiani chiedono un processo che si svolga in tempi ragionevoli, ma anche efficacia ed effettività delle decisioni e non vogliono l’impunità dei responsabili dei reati.



stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati