L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

31 gennaio 2013

L’Anm in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario

La giustizia è a rischio paralisi.L'attenzione del dibattito politico purtroppo si è spessoconcentrata, piuttosto che sui temi che attengono ai profilidell'efficienza, sull'obiettivo di alterare gli assetti dellamagistratura, con tentativi di riforme punitive e ritorsive o voltea risolvere singole vicende giudiziarie. Riforme che, se approvate,avrebbero addirittura aggravato l'inefficienza del sistema coneffetti devastanti sui processi e in alcuni casi determinato laresa dello Stato alla criminalità.


La giustizia è a rischio paralisi.
L'attenzione del dibattito politico purtroppo si è spesso
concentrata, piuttosto che sui temi che attengono ai profili
dell'efficienza, sull'obiettivo di alterare gli assetti della
magistratura, con tentativi di riforme punitive e ritorsive o volte
a risolvere singole vicende giudiziarie. Riforme che, se approvate,
avrebbero addirittura aggravato l'inefficienza del sistema con
effetti devastanti sui processi e in alcuni casi determinato la
resa dello Stato alla criminalità.



La 'seconda Repubblica', nata per
riavvicinare i cittadini alla politica e rendere trasparente
l'amministrazione della cosa pubblica, si è anch'essa conclusa
nello scandalo di una corruzione dilagante e nella diffusa e
rafforzata sfiducia nelle Istituzioni, con gravi ricadute sui
cittadini, sulle realtà produttive, economiche e finanziarie e,
quindi, sulle prospettive di investimento e di sviluppo
dell'Italia.



La consapevolezza della drammatica
situazione di crisi economica nella quale versa il Paese impone a
tutti gli schieramenti politici di mettere tra le priorità dei
programmi la giustizia e la legalità, settori grazie ai quali è
possibile recuperare risorse e ridurre diseguaglianze. Una
giustizia più efficiente, infatti, tutela i diritti, rafforza la
credibilità del Paese, dà fiducia agli investitori stranieri,
assicura certezze agli operatori economici. Allo stesso modo,
l'azione di contrasto nei confronti dell'illegalità diffusa
diminuisce le ingiustizie sociali e consente il recupero allo Stato
delle ingenti risorse sottratte ai poteri criminali.



L'Anm ha elaborato una proposta
complessiva di riforme, che a breve verrà offerta alla riflessione
pubblica. In occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario,
l'Anm indica gli obiettivi da perseguire per scongiurare lo sfascio
irreversibile della giustizia: ottimizzare le risorse sul
territorio, anche attraverso un corretto riordino delle piante
organiche, che tenga conto della revisione delle circoscrizioni
giudiziarie; dare un forte impulso all'innovazione; rafforzare il
contrasto alla criminalità organizzata, economica e nella pubblica
amministrazione, affrontare in maniera strutturale l'emergenza
carceri; nel civile, adottare strumenti idonei ad abbattere
l'arretrato e a restituire effettività alla giurisdizione.



L'Anm guarda al futuro e, nel
momento in cui il Paese si appresta a votare, si rivolge a chi si
candida per governare nella prossima legislatura affinché venga
avviato, in un rinnovato clima di collaborazione tra poteri dello
Stato, un processo riformatore che restituisca efficacia e
funzionalità alla giustizia, rafforzandone la credibilità. I
magistrati auspicano che a tal fine venga respinto ogni tentativo,
da chiunque provenga, di piegare l'attività legislativa a interessi
particolari, avendo come unico obiettivo il miglioramento del
servizio giustizia nell'interesse dei cittadini.




stampa
Stampa

Cerca documenti per...

Data

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati