L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

27 giugno 2012

Alcune considerazioni a margine del codice etico dell’Anm: sobrietà e terzietà.

Le  recenti vicende consiliariinducono la Giunta dell'Anm di Napoli a formulare uninvito  ai magistrati, quello di fare propria un'etica della sobrietà e della terzietà. In primo luogo della sobrietà.Occorre che i magistrati siano sobri: sappiano coniugare lelegittime aspirazioni con l'equilibrio ed il senso del limite,evitino  di promuoversi  in autorelazioni ridondanti epoco realistiche, distinguano  l'esigenza dirappresentare  al meglio le fonti di conoscenzaagli organi del governo autonomo dal voler influire in modoimproprio sulla decisione che gli stessi devono assumere, evitino di esercitare pressioni  nei confronti dei consiglieridel Csm, togati e non.


Le  recenti vicende consiliari
inducono la Giunta dell'Anm di Napoli a formulare un
 invito  ai magistrati, quello di fare propria
un'etica  della sobrietà e della terzietà.



In primo luogo della sobrietà.



Occorre che i magistrati siano
sobri: sappiano coniugare le legittime aspirazioni con l'equilibrio
ed il senso del limite, evitino  di promuoversi  in
autorelazioni ridondanti e poco realistiche,
 distinguano   l'esigenza di
rappresentare   al meglio le fonti di conoscenza
agli  organi del governo autonomo dal voler influire in modo
improprio sulla decisione che gli stessi devono assumere, 
evitino di esercitare pressioni  nei confronti dei consiglieri
del CSM, togati e non:



Il magistrato che aspiri a
promozioni, a trasferimenti, ad assegnazioni di sede e ad incarichi
di ogni natura non si adopera al fine di influire impropriamente
sulla relativa decisione, né accetta che altri lo facciano in suo
favore .



 Il magistrato garantisce
e difende, all'esterno e all'interno dell'ordine giudiziario,
l'indipendente esercizio delle proprie funzioni e mantiene una
immagine di imparzialità e di indipendenza
(dal codice etico
dell'Anm) .



A maggior ragione,  ancor più
rigorosamente,  tale principio etico deve essere 
rispettato ed interpretato  in relazione all'intervento -
richiesto o  offerto - di  sponsor esterni alla
magistratura, che in sé mettono  a repentaglio  o fanno
apparire in pericolo  la terzietà delle 
funzioni   e  assimilano il magistrato a chi lo
raccomanda.



Dunque occorre un'etica della
terzietà,  che eviti di collegare,  o far apparire
tali,  il magistrato e l'istituzione che lo stesso rappresenta
a



centri di potere partitici o
affaristici che possano condizionare l'esercizio delle sue funzioni
o comunque appannarne l'immagine.
(dal codice etico dell'Anm)
.



Ma una etica della sobrietà
occorre  anche  dopo  le decisioni del CSM o del
Consiglio Giudiziario, il che certamente non pone alcun limite
all'esercizio del legittimo esercizio di critica nelle sedi proprie
ed opportune ma, quanto  ad una critica pubblica ,
richiede  che  abbia  una sua finalità
istituzionale, di miglioramento del sistema, costruttiva: 



Il magistrato si astiene da
ogni intervento che non corrisponda ad esigenze istituzionali sulle
decisioni concernenti promozioni, trasferimenti, assegnazioni di
sede e conferimento di incarichi..
(dal codice etico dell'Anm)
.



Spetta anche ai magistrati che
svolgono le funzioni elettive presso il  CSM e presso i
Consigli Giudiziari  un dovere di indipendenza, che si
declina  nel custodire gelosamente  l'imparzialità e la
libertà  delle proprie decisioni, senza indulgere ad alcun
condizionamento,  a pressioni provenienti da poteri esterni e
da lobbies,  ovvero a vincoli provenienti
dall'elettorato   o dai gruppi associativi, ben sapendo
che :



 
Nell'espletamento delle funzioni elettive in organi di autogoverno,
centrale o periferico, opera senza vincolo di mandato rispetto
all'elettorato e ai gruppi associativi. (dal codice etico dell'Anm)
.



Nessun magistrato può chiamarsi
fuori: né gli eletti né tanto meno  gli elettori, né i gruppi
associativi,  né l'Anm, né tantomeno il CSM. Tutti, seppur con
diversi ruoli e responsabilità, devono essere e operare quali
garanti dell'autonomia del governo della magistratura, perché da
questa deriva l'indipendenza  dei singoli magistrati, 
interna ed esterna.



La nuova questione etica  è
dunque anche quella del carrierismo in magistratura,  della
ricerca del consenso ad ogni costo,  dello strumentalizzare la
funzione per fini di carriera personale:  l'etica  del
magistrato impone,  rispetto alle sue legittime
aspirazioni,  il  rigore di uno stile sobrio e terzo ed
anche la consapevolezza temperante di un principio costituzionale,
quello che diversità di funzioni> giudicante e requirente, di merito e di
legittimità, non anche per  posizione gerarchica.



 



 




stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati