L'ANM è l'associazione cui aderisce circa il 90%
dei magistrati italiani. Tutela i valori costituzionali, l'indipendenza e l'autonomia della magistratura.
    

15 settembre 2011

Lettera della Cpo agli iscritti per assemblea generale 2011

In vista dell'Assemblea Generale del 22 ottobre 2011, la Commissione Pari Opportunità dell'Anm,sulla scorta del lungo lavoro di riflessione e di elaborazione di questi ultimi anni, INVITA iscritte e iscritti all'Anm a sostenere la proposta di modifica dello Statuto dell'Associazione in tema di quote di risultato di genere al 50%nelle elezioni per il Cdc.


In vista dell'Assemblea Generale
del 22 ottobre 2011, la Commissione Pari Opportunità dell'Anm,
sulla scorta del lungo lavoro di riflessione e di elaborazione di
questi ultimi anni,

 

INVITA iscritte e iscritti all'Anm a sostenere la
proposta di modifica dello Statuto dell'Associazione in tema di
quote di risultato di genere al 50% nelle elezioni per il Cdc



perché va
ribadita la necessità - già ampiamente documentata nella Relazione
alla proposta - di superare la fase delle quote di candidature,
inadeguate a risolvere la questione della rappresentanza duale e
paritaria, come testimoniato dalla estrema sottorappresentazione
delle magistrate nelle istanze apicali dell'associazionismo,
soprattutto tenuto conto della sostanziale equiparazione delle
presenze maschili e femminili nella magistratura;



perché
l'unica efficace e ragionevole strategia per realizzare l'equità
nella rappresentanza è quella paritaria ed in senso contrario non è
più invocabile alcun principio di gradualità, atteso che da anni il
tentativo di superare il divario di presenza di genere è andato
frustrato;



perché
una partecipazione equilibrata (50%-50%) anche in seno agli organi
di vertice è l'unica in grado di assicurare da parte
dell'Associazione nella sua concreta azione di rappresentanza
l'acquisizione del patrimonio umano, culturale, sociale, di
sensibilità e professionalità, che arricchisce e valorizza lo
specifico della diversità di genere;



perché il
fondamentale principio di eguaglianza sostanziale ed il diritto di
scelta dell'elettorato non sono tra loro in conflitto ma vanno
contemperati e quindi le modalità di esercizio del secondo devono -
come affermato anche dalla Corte costituzionale - essere
regolamentate in modo da non sacrificare il primo;



dunque appare non coerente con i
principi e gli obiettivi sopra indicati il contenuto del già
presentato emendamento Di Grazia-Cerroni che ipotizza una quota di
risultato di genere del solo 30%;



AUSPICA su tali
presupposti -appieno inseriti nelle istanze di più ampia
partecipazione di tutta la magistratura nelle scelte associative,
che sono al fondo della richiesta dell'Assemblea Generale- il
massimo coinvolgimento alla discussione sul punto nelle Assemblee
preparatorie ed in quella Generale, perché anche le quote sono uno
strumento per allargare la partecipazione alla vita
associativa.




stampa
Stampa

ANM risponde

Le domande e le curiosità sul funzionamento e gli scopi dell'ANM

Poni la tua domanda


Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato su notizie ed eventi dell'Associazione Nazionale Magistrati